RETE E COMUNITA’…..

Il cittadino digitale Per “cittadinanza digitale” si intende l’estensione al mondo virtuale del concetto di cittadinanza classica, prevedendo allo stesso modo dei diritti e doveri applicabili alla rete. I diritti dei cittadini digitali Come per la Carte Costituzionali di molti paesi democratici, esistono una serie di diritti di base estesi a tutti i cittadini digitali. […]

via Cosa può fare il cittadino digitale? Quali diritti ha? Quali doveri? — Juliet’s Blog

PIU’ POTERE AI SINDACI CON IL DECRETO-LEGGE 20 febbraio 2017, n. 14

COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA E DELLA SICUREZZA URBANA

Facciamo particolare attenzione a questi articoli e alle parti salienti

Art. 5 
 
 
            Patti per l'attuazione della sicurezza urbana 
 
  1. In coerenza con le linee generali di  cui  all'articolo  2,  con
appositi patti sottoscritti  tra  il  prefetto  ed  il  sindaco,  nel
rispetto  di  linee  guida  adottate,  su   proposta   del   Ministro
dell'interno, con accordo sancito in sede di Conferenza  Stato-citta'
e autonomie locali, possono essere  individuati,  in  relazione  alla
specificita' dei contesti, interventi per la sicurezza urbana, tenuto
conto anche delle  esigenze  delle  aree  rurali  confinanti  con  il
territorio urbano. 
  2. I patti per la sicurezza urbana di cui al  comma  1  perseguono,
prioritariamente, i seguenti obiettivi: 
    a) prevenzione dei fenomeni di criminalita' diffusa e predatoria,
attraverso servizi e interventi  di  prossimita',  in  particolare  a
vantaggio delle zone maggiormente interessate da fenomeni di degrado; 
    b) promozione del rispetto della legalita', anche mediante mirate
iniziative di dissuasione di ogni forma  di  condotta  illecita, 
comprese l'occupazione arbitraria di immobili e lo  smercio  di  beni
contraffatti o falsificati, nonche' la prevenzione di altri  fenomeni
che comunque comportino turbativa del  libero  utilizzo  degli  spazi
pubblici; 
    c) promozione del rispetto del decoro urbano, anche  valorizzando
forme di collaborazione  interistituzionale  tra  le  amministrazioni
competenti,    finalizzate     a     coadiuvare     l'ente     locale
nell'individuazione di aree urbane su cui  insistono  musei,  aree  e
parchi archeologici, complessi monumentali o altri istituti e  luoghi
della cultura interessati da  consistenti  flussi  turistici,  ovvero
adibite a verde pubblico, da sottoporre a particolare tutela ai sensi
dell'articolo 9, comma 3. 

Art. 7 
 
 
Ulteriori  strumenti  e  obiettivi  per  l'attuazione  di  iniziative
                              congiunte 
 
  1. Nell'ambito degli accordi di cui all' articolo 3 e dei patti  di
cui all'articolo 5, possono essere  individuati  specifici  obiettivi
per l'incremento dei servizi di controllo del territorio e per la sua
valorizzazione. Alla realizzazione degli obiettivi di  cui  al  primo
periodo  possono  concorrere,   sotto   il   profilo   del   sostegno
strumentale, finanziario e logistico, ai  sensi  dell'articolo  6-bis
del  decreto-legge  14  agosto   2013,   n.   93,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 15 ottobre 2013, n.  119,  enti  pubblici,
anche non economici, e soggetti privati. 
  2. Nei casi di cui al comma 1, si applicano le disposizioni di  cui
all'articolo 1, comma 439, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

 

Il DL Sicurezza Urbana tra scioperi, timori ed una nuova vittima. — A me le Guardie!

Da qualche mese si fa tanto parlare di un ipotetico “decreto Sicurezza Urbana” che il governo starebbe preparando, in concerto e su richiesta dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) che, tramite la voce del suo presidente Piero Fassino (sindaco PD di Torino, si, “quel” Fassino), avrebbe richiesto più potere ai primi cittadini per reprimere i fenomeni […]

via Il DL Sicurezza Urbana tra scioperi, timori ed una nuova vittima. — A me le Guardie!

ANCHE SPINEA SARA’ “ACCOGLIENTE”….TUTTO IN SORDINA…..PREVISIONE CONFERMATA

bando immigrazioneEra nell’aria, le premesse c’erano tutte, anche in talune interrogazioni la domanda era stata fatta appositamente per conoscere quale sarebbe stato il futuro……e le risposte? Nessuna risposta, anzi possiamo dire che la nostra amministrazione aveva totalmente escluso ogni movimento, è anche vero che da una dichiarazione del tipo “nelle strutture comunali nessun arrivo, però se c’è qualche privato che è disponibile….non possiamo farci niente”. Francamente sapevo già che da una dichiarazione di questo tipo era implicito che qualcuno dietro l’angolo era disponibile, magari qualche associazione che potrebbe “fungere da” sarebbe altrettanto disponibile a trovare delle forme di finanziamento “interessanti”. Capiamoci, nulla da dire sul concetto di aiuto che è sacrosanto, ma da cittadino vorrei sapere se nel mio comune ci sono le condizioni per ospitare qualcuno e soprattutto dove, sono risposte che ritengo normali e siamo nella situazione classica e diffusa, in cui si deve “subire” un qualcosa che sempre altri hanno deciso. Non ci sto….questo modo di imporre le cose deve finire, la città partecipata francamente è un termine che non è più adeguato, uno spot elettorale che ormai “puzza”, e quando una cosa puzza bisogna probabilmente fare una bella lavatrice con adeguato candeggio. Ora staremo a vedere e approfondire come spesso mi accade di fare, nulla passa inosservato e molti come il sottoscritto hanno aperto gli occhi.

FINALMENTE IL GIORNO 10 AGOSTO VEDREMO APERTA LA FAMOSA STRADA 8 BIS

8 bisDurante l’estate siamo abituati ad ascoltare i brani denominati “tormentoni” che solitamente ci accompagnano fino alla fine del periodo di ferie, a Spinea già da un po’ i tormentoni non sono solo musicali ma di diverse tipologie, spesso legate a questioni gestionali su talune problematiche da parte della nostra amministrazione. Una di queste problematiche riguarda l’apertura delle due strade denominate “8 bis” e “tangenziale nord” in cui la lentezza burocratica e di realizzazione è arrivata ai limiti della decenza, il sospetto è che non essendo opere “nelle corde” dell’attuale giunta (dichiarato più volte dallo stesso sindaco) forse non c’era una particolare apprensione per arrivare alla conclusione dei cantieri. Oggi 5 Agosto 2015 finalmente leggiamo l’ordinanza di apertura della 8 bis che avverrà in sordina il giorno 10 Agosto, giusto per cominciare bene la settimana di quelli che resteranno in città, e la sorpresa per quelli che rientreranno successivamente al ferragosto. Fate attenzione perchè l’apertura porterà una revisione della viabilità su via Capitanio e quindi meglio essere attenti alla segnaletica verticale per evitare qualche multa o peggio ancora qualche incidente. Mi permetto di aggiungere una considerazione personale come sempre il più possibile obbiettiva, solitamente quando c’è l’apertura di una nuova strada in un comune dovrebbe essere naturale darne evidenza, questo indipendentemente se l’opera è condivisa o meno, oppure se è ritenuta utile o non utile alla popolazione. L’amministrare un comune vuol dire anche assumersi delle responsabilità sul lavoro svolto dalle amministrazioni precedenti, pur non condiviso, e anche se potrebbe dare cattiva pubblicità. Stesso copione per la nuova caserma dei carabinieri costruita via Baseggio, anche in quel caso non è stata data nessuna evidenza a questa importante opera realizzata……forse allora è un vizietto…….dimenticavo, attendiamo ora l’apertura della tangenziale nord che collega Asseggiano alla rotonda di Maerne, chissà che domani non ci sia un’altra ordinanza a sopresa!

APRI IL TESTO ORDINANZA_00060_05-08-2015 APERTURA 8 BIS 10.08.2015

8 BIS…..IL 19 APRILE PASSATE IN BICICLETTA ANCHE LI’… FORSE E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI DARE DELLE RISPOSTE CHIARE

I mesi sono passati, gli articoli sui quotidiani anche, le dichiarazioni ripetute utilizzando impropriamente le parole “presto” oppure “alla fine del mese”, credo che è ora che l’amministrazione dia delle risposte precise e delle date che siano realistiche, cosa che fino ad oggi non è stato. I cittadini continuano a passare davanti alle transenne, altri la utilizzano per le passeggiate, altri ancora per un giro in bicicletta, nei social le domande sono sempre le stesse come peraltro le risposte evasive. Le ultime notizie risalgono al mese scorso, dopo che per molto tempo aveva tenuto banco la storia “abbiamo chiesto delle migliorie e messa in sicurezza a Veneto Strade”, il proseguo è stato “ci sono degli espropri da risolvere e poi a breve dovrebbero partire i lavori”, siamo arrivati quindi alla fine di Marzo dove sembrava che ormai il tutto fosse imminente ed invece al 16 di Aprile credo sia addirittura scomparsa l’idea di apertura. In compenso una grande pubblicità e fermento per la giornata delle 4R con la biciclettata che toccherà tutti i quartieri di Spinea, non conoscendo il percorso ho l’impressione che il passaggio sarà molto distante dalle transenne e sarà meglio stare alla larga dal cantiere per evitare ulteriori e scomode domande ai nostri assessori. Le domande continueranno ovviamente ad essere sempre più persistenti perchè è venuto il momento di dare delle risposte, forse ancora una volta ci verrà prospettata “la fine del mese” oppure “non preoccupatevi perchè l’illuminazione non è in carico al comune di Spinea”, questo però non basta più ed è doveroso per l’istituzione prendere una posizione affinchè finalmente chi paga le tasse abbia una giusta considerazione. Rimaniamo quindi fiduciosi che il nostro assessore ai lavori pubblici chiarisca definitivamente la questione, e prenda un impegno con i propri cittadini indicando una data!

(foto Lorenzo Pòrcile)

AL VILLAGGIO DEI FIORI IL DISCO CHE SUONA SEMPRE LA STESSA MUSICA….E’ QUELLO ORARIO

Girovagando per la rete nel profilo FB del Comune di Spinea, mi sono imbattuto in questa lettera aperta di un cittadino spinetense che riguarda l’introduzione dei dischi orario nella zona Villaggio dei Fiori, argomento già approfondito qualche tempo fa…..chissà se tale appello è stato preso in considerazione…..

Gentilissimo signor Sindaco,

Sono un cittadino Spinetense residente in piazza Cortina al Villaggio Dei Fiori.

Come le è ben noto, il nostro è il quartiere più densamente popolato di Spinea e il problema della carenza di parcheggi è molto sentito, in particolar modo la sera e nei fine settimana quando i residenti sono a casa.

Nella zona di piazza Cortina la gran parte dei parcheggi sono regolamentati dal disco orario e quelli ‘liberi” sono giustamente occupati da chi, arrivato per primo, parcheggia l’auto per il weekend.

Per tale motivo, seppur motivati dalle migliori intenzioni e da infinita pazienza, a volte per noi residenti è inevitabile parcheggiare l’auto in zona disco orario per poi scendere periodicamente a cercare il “buco libero”. Regolarmente, in particolar modo nei fine settimana, la Polizia Municipale effettua i doverosi controlli e “pizzica” qualche residente fuori regola.

Nessuno contesta i controlli e la regolarità delle contravvenzioni elevate, che anzi invito a svolgere con sempre maggiore assiduità e non solo per controllare i parcheggi e gli autovelox, ne, tantomeno, la presenza delle zone a disco orario a tutela dei commercianti della zona. Chiedo però a lei, e alla giunta tutta per suo tramite, di farsi carico di un problema oggettivo che mina la qualità della vita nel nostro quartiere.

Si potrebbero studiare diverse soluzioni semplici ed economiche come, per la sola giornata del sabato, l’abolizione del disco orario per tutti o l’esenzione dallo stesso per i residenti mediante l’esibizione di un contrassegno sul parabrezza da richiedersi in Comune. In questo modo si concilierebbero le esigenze dei residenti, quelle dei commercianti e si eliminerebbe il retropensiero serpeggiante che i controlli vengano fatti in determinati momenti per fare “cassa” con noi cittadini.

Si tratterebbe di un piccolo gesto da parte dell’amministrazione, ma di un grande segnale di attenzione per i residenti del Villaggio Dei Fiori.

Con i migliori saluti,